Eventi 2015

A Erice prende il via il progetto “Erice Batticuore, Lotta per la Vita”

A Erice prende il via il progetto “Erice Batticuore, Lotta per la Vita”

L’Amministrazione comunale di Erice nella persona del Sindaco Giacomo Tranchida, in collaborazione con GIEC, Gruppo per l’Intervento nelle Emergenze Cardiologiche, presenta “Ericè Batticuore, Lotta per la vita”, campagna di sensibilizzazione sulle patologie cardiache e per favorire la diffusione e l’utilizzo emergenziale e/o di primo intervento di apparecchi defibrillatori.
Presso il Palazzo Sales ad Erice ha presp il via il progetto con il convegno dal titolo “Prevenzione cardiovascolare, sul territorio e nello sport, dell’arresto cardiaco” che oltre alla valenza dell’approfondimento scientifico, contestualmente avvierà ufficialmente la campagna d’informazione e prevenzione. Domani 24 ottobre, si tiene il corso gratuito ad opera degli istruttori GIEC per l’impiego dei defibrillatori da parte degli operatori indicati dalle strutture pubbliche e non, beneficiarie. Il progetto comprende una serie di iniziative mirate di sensibilizzazione/avvertenze alle civiche comunitá e capillarmente nelle famiglie, attraverso i media e il web, incontri e manifestazioni pubbliche con la partecipazione di operatori sanitari e del soccorso, iniziative nelle scuole, nei principali impianti sportivi, nei luoghi di lavoro e/o di divertimento
Strategica, anche ai fini della massiccia e motivata sensibilizzazione, l’adesione operativa delle maggiori società sportive del territorio, il Trapani Calcio e la Pallacanestro Trapani oltre che dell’Asp Trapani. Prevista, a completamento degli investimenti già fatti di questi anni dal Comune di Erice, anche la diffusione graduale e capillare, dei defibrillatori semiautomatici (taluni anche donati da Enti Pubblici, Associazioni e Club Service), mediante una distribuzione strategica (anche in favore di Associazioni Sportive non professionistiche e pertanto non ancora onerate da legge alla dotazione di Defibrillatori), in modo tale da costituire una “rete” di defibrillatori che possano essere utilizzati entro quattro/cinque minuti dall’arresto cardiaco.
Tra le aree identificate per collocare i defibrillatori ci sono quelle con particolare afflusso di pubblico e quelle dove si pratica attività ricreativa ludica, attività sportiva agonistica e non agonistica anche a livello dilettantistico, stadi e centri sportivi.
In tale ottica l’A. C. di Erice, in questi anni, ha già provveduto a dotare buona parte delle Scuole, Palestre e Centri Sociali comunali di defibrillatori semiautomatici che sono stati distribuiti nel territorio garantendo la necessaria formazione del personale (volontari compresi) nella pronta gestione delle attrezzature.
L’iniziativa è patrocinata dall’Assemblea Regionale Siciliana e dall’Assessorato Regionale alla Salute, oltre che sostenuta dalla Prefettura di Trapani e supportata anche dal Rotary TP-Erice, Kiwanis Erice, dal comitato provinciale del Coni, e dal GIEC che ha organizzato il convegno dal punto di vista scientifico. Il presidente del GIEC, prof Maurizio Santomauro, il prof Giuseppe Marceca e il prof Antonio Castello hanno moderato i relatori, che hanno intrattenuto il numeroso e attento pubblico sulla Prevenzione cardiovascolare, sul territorio e nello sport, dell’arresto cardiaco.
In tale occasione il sindaco di Erice ratifica al prof Giuseppe Marceca, cardiologo e medico legale trapanese, l’incarico di Collaboratore volontario esterno del sindaco, delegato per le attività afferenti il progetto “ERICE’ BATTICUORE – LOTTA PER LA VITA” per la RETE BLSD – BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION.

Pubblicato in Eventi 2015